SPERIAMO CHE QUESTA CRISI ECONOMICA,FINANZIARIA,ENERGETICA,AMBIENTALE E SOPRATUTTO ETICA,CI FACCIA DEFINITIVAMENTE APRIRE GLI OCCHI E LA MENTE SUL "PROGRESSO MATERIALE:BEN-AVERE" FIN QUI RAGGIUNTO E SPERARE IN UN ALTRETTANTO "PROGRESSO SPIRITUALE:BEN-ESSERE", IN MODO DA EQUILIBRARE IL TUTTO PER COMPLETARE L'ESSERE UMANO:"FELICITA' NELLA SUA COMPLETEZZA". SPERIAMO CHE QUESTA CRISI ECONOMICA,FINANZIARIA,ENERGETICA,AMBIENTALE E SOPRATUTTO ETICA,CI FACCIA DEFINITIVAMENTE APRIRE GLI OCCHI E LA MENTE SUL "PROGRESSO MATERIALE:BEN-AVERE" FIN QUI RAGGIUNTO E SPERARE IN UN ALTRETTANTO "PROGRESSO SPIRITUALE:BEN-ESSERE", IN MODO DA EQUILIBRARE IL TUTTO PER COMPLETARE L'ESSERE UMANO:"FELICITA' NELLA SUA COMPLETEZZA". MAX1967 | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

MAX1967 2009: L'INIZIO DELLA FINE DELLO STATO E DEL CAPITALISMO CONOSCIUTI FINO A OGGI CON LA SPERANZA DI UN NUOVO RINASCIMENTO:COMUNITA' LOCALI,DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA,GLOCALE,SOVRANITA' MONETARIA,,MICROCREDITO, ECONOMIA DEL DONO,TERZO SETTORE,DECRESCITA?
Confindustria e le mafie
post pubblicato in SOCIETA', il 5 ottobre 2009

COME MI STA SULLE P....
 di Alessandro Iacuelli

"In Italia i numeri del PIL, della ricchezza del nostro Paese e delle entrate dello Stato, tutti i numeri dell'economia, sono falsati dall'enorme dimensione dell'attività sommersa e mafiosa". L’affermazione non è di una qualunque organizzazione antimafia presente sul territorio, ma viene direttamente da Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, intervenuta alla presentazione del libro Mafia pulita di Elio Veltri e Antonio Laudati. Nell'occasione, Marcegaglia ha sottolineato che "la guerra culturale contro ogni forma di mafia è un elemento essenziale prima di tutto per lo sviluppo sociale e civile. Se non riusciamo a coinvolgere una quota forte della popolazione non riusciremo a vincere la battaglia".
LEGGI TUTTO:
http://www.altrenotizie.org/economia/2736-confindustria-e-le-mafie.html


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 5/10/2009 alle 23:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L’insegnamento perduto del Meccano
post pubblicato in SOCIETA', il 5 ottobre 2009

 

Probabilmente stiamo attraversando un periodo di transizione. Il mondo è saturo di tutto, nessuno sta aspettando più niente di nuovo, non c’è più niente da scoprire, soprattutto sul fronte artistico. Questo tempo, come il Meccano, ha esaurito tutte le sue possibilità.

Il ‘Meccano’ era forse l’unico gioco che si poteva acquistare in ferramenta, dato che era fatto soltanto di barrette di metallo forate, viti, dadi, pulegge e piccoli arnesi. Fu inventato da un inglese alla fine dell’800, ed era talmente originale che, oltre che in Europa, si diffuse anche in America. Di solito aveva un libretto di istruzioni che suggeriva alcuni modelli che si potevano costruire con i pezzi contenuti nella scatola: una locomotiva, una scavatrice, una bilancia, un’elica a manovella… cose così.

Il meccano era una gioia per gli occhi e una festa per le mani. Ogni bullone stretto equivaleva a mille neuroni attivi in più. A seconda del numero dei pezzi contenuti, le scatole erano numerate da 1 a 10. La scatola numero 10 era un sogno irraggiungibile, accessibile solo ai figli dei ricchi: conteneva tutti i pezzi per costruire una gru a motore alta due metri. Comunque, ogni scatola, anche la numero 1, permetteva di costruire moltissime cose, tutte davvero funzionanti.
LEGGI TUTTO:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=28009


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 5/10/2009 alle 20:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Dobbiamo oltrepassare la desolante banalità dell'uomo-massa stupidamente compiaciuto
post pubblicato in SOCIETA', il 2 ottobre 2009

  


Il tratto antropologico distintivo della società di massa, nella sua fase avanzata, è la banalità: una banalità onnipervasiva, diffusa a tutti i livelli, e, quel che è peggio, apparentemente inconsapevole, anzi, persuasa della propria originalità e creatività.
Le mode servono appunto a questo: a far sentire originale e creativo l'uomo-massa, nel momento del suo supremo conformismo e della sua suprema omologazione. Come bene ha osservato un filosofo che aveva saputo antivedere tali fenomeni, Sören Kierkegaard, la moda sarebbe capace di far mettere l'anello al naso alla donna-massa della società moderna, con la massima facilità e con la massima naturalezza, convincendola, nello stesso tempo, di essere irresistibilmente affascinante e seduttiva (cfr. il nostro precedente articolo, «La donna, schiava della moda fino a lasciarsi mettere l'anello al naso?»; ma cfr. anche F. Lamendola, «Ma una certa idea della donna resterà sempre come un sogno di pace e di bellezza», anch'esso a commento di un brano di Kierkegaard).

leggi tutto:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=28012


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 2/10/2009 alle 5:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Gli individui non esistono fuori dalle loro comunità
post pubblicato in SOCIETA', il 2 ottobre 2009

 

La crisi del modello rappresentato dallo Stato nazionale rigenera l’idea di comunità, che assume nuove forme e significati. Le comunità non associano più le persone solo per l’origine comune e le caratteristiche dei componenti: nel moltiplicarsi di tribù, flussi e reti, esse ormai raggruppano tipi diversissimi. Imponendosi come possibile forma di superamento della modernità, le comunità perdono lo status «arcaico», a lungo attribuito loro dalla sociologia. Più che stadio della storia, abolito dalla modernità, appaiono come forma permanente dell’umano associarsi.

In tale quadro figura la comparsa e lo sviluppo nel Nord America, dagli anni Ottanta, d’una corrente di pensiero che oltre Atlantico ha provocato innumerevoli dibattiti, ma che l’Europa ha scoperto più di recente: il «movimento» comunitario, costellazione rappresentata dai filosofi Alasdair MacIntyre, Michael Sandel e Charles Taylor.
leggi tutto:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=27957


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 2/10/2009 alle 4:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Quando il consumatore è narcisista
post pubblicato in SOCIETA', il 2 ottobre 2009

 

 

È passato un anno dalla dichiarazione ufficiale di inizio della crisi economica, e ora nuove autorevoli assicurazioni la danno per finita, seppur con ferite che si rimargineranno lentamente. Speriamo che sia così. Rimane però un problema psicologico e culturale (oltre che economico): abbiamo imparato la lezione? Sapremo evitare quei comportamenti che generarono le famose «bolle» (da quella immobiliare a quella dei «derivati»), il cui scoppio paralizzò poi mercati, e produzione?
Non è un problema teorico, riservato alle dispute degli economisti. È una necessità pratica, per non ritrovarsi tra qualche anno con un’altra generazione di giovani dirigenti bruciata in tutte le capitali economiche occidentali, masse di risparmiatori rovinate da speculazioni insensate, e eserciti di disoccupati dovunque.
leggi tutto:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=27960


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 2/10/2009 alle 4:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L'individualista di massa chiede disperatamente attenzione, ma non la trova, perché non la merita
post pubblicato in SOCIETA', il 2 ottobre 2009

  


Colpisce, per la sua profondità e per la sua inaspettata attualità, un passo dell'Epistola di Giacomo (3, 13-18; 4, 1-3):

«Qualcuno, tra voi, pensa di essere saggio e intelligente? Bene! Lo faccia vedere con i fatti, comportandosi bene; mostri insieme gentilezza e saggezza. Se invece il vostro cuore è pieno di amara gelosia e di voglia di litigare, fate a meno di vantarvi e non dite menzogne che offendono la verità. Una saggezza di questo genere non viene da Dio; è sapienza di questo mondo, materiale, diabolica.
Infatti, dove regnano la gelosia e l'istinto di litigare,  ci sono inquietudini e cattiverie di ogni genere. Invece, la saggezza che viene da Dio è assolutamente pura; è pacifica, comprensiva, docile, ricca di bontà e di opere buone; è senza ingiuste preferenze e senza alcuna ipocrisia. Le persone che creano la pace attorno a sé, sono come seminatori che raccolgono nella pace il loro frutto: una vita giusta.
leggi tutto:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=27946


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 2/10/2009 alle 4:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
La lotta di classe negli USA
post pubblicato in SOCIETA', il 21 settembre 2009

 La destra americana ha realizzato una manifestazione contro la riforma sanitaria proposta di Obama.La manifestazione si è proclamata antistatalista, anticomunista, antisocialista. Obama è stato paragonato a Stalin,a Mao,a Lenin e minacciato di morte. Non si vuole che uno dei sistemi sanitari più costosi ed esclusivi del mondo, fonte di arricchimento dei proprietari di cliniche, si apra a cinquanta milioni di persone che ne sono escluse e venga in qualche modo disturbato nella sua produzione di utili per miliardi di dollari a una ristretta cerchia di persone. Una operazione di ernia può costare diecine di migliaia di dollari. L'estirpazione di un tumore anche 500 mila. Se una persona si ammala di qualcosa che richiede una operazione chirurgica può vendersi ( se ne ha una ) la casa per pagare l'ospedale. I costi sono stratosferici e vengono mantenuti alti artificialmente. Il sistema assicurativo privato è vessatorio sanguisuga e spesso truffaldino. Se una persona ha malattie croniche è difficile che una azienda assicurativa lo prenda in carico. Non esistendo la privacy se non formalmente, le agenzie assicurative si passano le informazioni sullo stato di salute dei loro clienti e quindi se si viene rifiutati da una compagnia è difficile che si venga accettati da un'altra. . Persone anziane spesso vecchie o addirittura vecchissime sono costrette a lavorare per pagarsi le medicine per sopravvivere. La mortalità infantile è assai alta e l'aspettativa di vita di appena 73 anni la più bassa del mondo occidentale.
LEGGI TUTTO:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=27840


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 21/9/2009 alle 8:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Una cultura della trasgressione. Per non morire di proibizionismo
post pubblicato in SOCIETA', il 20 settembre 2009

 notte_da_sballo_fondo-magazineFiniremo col guidare automobili senza acceleratore? La tendenza moralista e proibizionista attuale sembra puntare diritto a esiti grotteschi di tal specie. L’iniziativa del Comune di Milano di cui tanto si è parlato, di vietare cioè totalmente l’alcool ai minori di 16 anni e di inasprire le pene per i trasgressori, punta a sradicare il fenomeno degli schiamazzi e del degrado notturno. Spaccio di droga, baldoria fino all’alba e ragazzi di età sempre più giovane in condizioni pietose sono all’ordine del giorno nelle notti della metropoli lombarda, e le istituzioni ritengono di rispondere all’emergenza con metodi proibizionisti degni di un puritano del 1600.
leggi tutto:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=27811


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 20/9/2009 alle 13:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L’amore è rischio, il sesso no. Ma chi non rischia non vive
post pubblicato in SOCIETA', il 20 settembre 2009

 

Nella seconda metà dell'Ottocento la sessualità era nascosta, proibita, rimossa. Guardando l'arco isterico delle pazienti di Charcot, il giovane Freud ha subito pensato che fosse provocato da un desiderio sessuale che, non potendo soddisfarsi, si esprimeva nel corpo. Invece si poteva parlare e scrivere a piacimento di amore. C'è una continuità ideale fra libri come «Anna Karenina», «Cime tempestose» e film come «L'amore è una cosa meravigliosa» e «Un uomo una donna» di Truffaut. Ma oggi troviamo sempre meno romanzi e film che hanno al loro centro un grande amore appassionato. In compenso sono più diffusi l'erotismo e il sesso senza amore.
leggi tutto:
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=27813


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 20/9/2009 alle 13:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Avere e non avere
post pubblicato in SOCIETA', il 10 settembre 2009

Avere e non avere. Lavoriamo più degli schiavi ai tempi dei Faraoni. Per trent’anni. Quarant’anni, cinquant’anni. L’età della pensione si allontana fino a coincidere con quella della morte. Il lavoro ha, sempre più spesso, come unico obiettivo uno stipendio. Non è importante che il lavoro sia utile, necessario per la società o per l’individuo che lo svolge. Lo scopo di un’attività è, di solito, il denaro che se ne può ricavare. Denaro che serve per comprare beni inutili, prodotti da altre persone che fanno altrettanti lavori inutili. Per rendere utili beni inutili, aumentare la salivazione dei consumatori, abbiamo inventato l’industria della pubblicità. Un inganno colossale, un’autoipnosi a fini di lucro.

leggi tutto:

http://www.decrescitafelice.it/?p=597#more-597


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. SOCIETA'

permalink | inviato da cistolino il 10/9/2009 alle 22:17 | Versione per la stampa
Sfoglia settembre